venerdì 18 febbraio 2011

Scudetto 2006, messaggi in codice

 
Qualcosa di importante sta bollendo in pentola sul fronte dello scudetto 2006. L’indizio che conferma gli spifferi che si fanno sempre più insistenti arriva dal taglio basso di pagina 35 del Corriere della Sera. Fabio Monti è una delle firme di punta della redazione sportiva del quotidiano e, soprattutto, è molto inserito nelle cose nerazzurre. Oggi sigla un pezzo (f.mo.) che già dal titolo suona strano: “La Fgci impiega un anno a deferire l’Inter”.

Perché usare un attacco così aggressivo per un articolo di scarso interesse? La questione infatti riguarda il trasferimento nel gennaio 2009 di Goran Pandev dalla Lazio all’Inter. La Procura federale ha deferito alla Commissione disciplinare Rinaldo Ghelfi (vicepresidente dell’Inter) e Marco Branca (d.t.) per aver trattato con Carlo Pallavicino, che nell’occasione era agente e non procuratore del giocatore. Quisquilie: l’Inter rischia al massimo una multa.

C’è però un passaggio che fa sobbalzare, inserito con voluta non chalance: “La vicenda è il segnale del peso politico sempre crescente di Lotito in Federcalcio (e in Lega) e anticipa il trattamento che verrà riservato all’Inter a fine stagione, quando le verrà revocato dal Consiglio federale lo scudetto 2006, nell’ambito della rivisitazione di Calciopoli”.

Monti usa il futuro semplice: “verrà revocato”. Se certe dichiarazioni si cominciano a leggere sul Corriere della Sera, sempre molto vicino all’Inter e non solo in termini commerciali, vuol dire che si sta preparando il terreno per un esito che in molti ambienti già si dà per scontato.