martedì 29 novembre 2011

L'oro zecchino di Napoli

Lo scorso venerdì, alla trasmissione a cui solitamente partecipo, avevo preventivato quattro punti tra Lazio e Napoli. Però, in cuor mio, pensavo ai risultati invertiti e prima della partita con gli azzurri covavo la vivida speranza nella fuga. Tuttavia questo pareggio è d’oro. Oro zecchino. Questo pareggio al San Paolo, sarà una banalità, equivale a una vittoria

Innanzi tutto, perché abbiamo cancellato dalla corsa una possibile (ancorché improbabile) pretendente alle parti più nobili della classifica. Il Napoli è out, e tanti saluti al progetto di De Laurentiis.

Inoltre, per guardare a casa nostra, ci si chiedeva che cosa sarebbe successo quando la Juve si fosse trovata a inseguire. Ecco la risposta, dopo essere stata sotto di due gol per due volte. Situazione che secondo il Mister “avrebbe stroncato qualsiasi altra squadra”. Qualsiasi non so, ma una gran parte di sicuro.

Dopo il pareggio col Bologna e la fatica con la Fiorentina, c’era chi attendeva la Juve al varco di questo terzo turno infrasettimanale. Avanti il prossimo dubbio, che questo non regge.

Rosa corta? Sicuro. Ma stasera non c’era Marchisio e c’era Estigarribia. Sì, quello che ha riaperto la partita la seconda volta e che avrà fatto duemila chilometri sulla fascia sinistra. Poi, se avessimo anche un vero vice-Pirlo, per far rifiatare ogni tanto anche Andrea, e un vero centrale di difesa al posto di Bonucci, saremmo da finale di Champions. Ma per ora ci si accontenta volentieri.

Se poi Pepe segna in tre gare di fila significa davvero che i pianeti si stanno allineando. Non sono ferratissimo in materia, ma spero che il campionato finisca prima del compimento delle profezie Maya: ci rimarrei piuttosto male a non vedere come va a finire questa stagione.

21 commenti:

  1. Caro Simone ; devo ammettere che scrivi sempre in maniera intelligente e divertente i tuoi articoli.
    Questa juventus non c'è che dire mi ricorda troppo quella di Marcello e quella dei tempi in cui si aveva il potenziale mentale e fisico per poter giocare contro il proprio avversario come il gatto fa con un topo .
    Esta Juve tiene las bolas como un toro . Fino alla fine forza juventus!!!!!
    Che ne pensi dei piagnistei di gente come De Laurentis e Mazzarri ; mi hanno veramente fatto un pò di tenerezza a sentirli parlare nel dopo partita !! Questo è il nuovo calcio ...meno male!!!
    Grazie
    Giba

    RispondiElimina
  2. Caro Simone,
    devo fare veramente i complimenti alla Juventus. Dici bene, chi si aspettava la squadra costretta ad inseguire è stato accontentato. Più di tutti mi stupisce il cambiamento di Pepe che sta diventando sempre più determinante per Conte.
    Al di la della tua disamina sull'incontro di ieri, vorrei tuo commento sullo striscione "48 Facchetti"; giustamente ti sei (e si sono tutti) indignato (e se non sbaglio lo hai anche scritto) per quello esposto dagli interisti a San Siro (pessimo gusto davvero). Come mai ieri sera nessuno si è minimamente risentito? Tu che ne dici?
    Grazie.
    Cordiali saluti.
    Alessandro

    RispondiElimina
  3. Lex Luthor per Stenti30 novembre 2011 09:03

    Addirittura da finale Champions!?!?!?!?!....non è un po' esagerato?.....certo il centrale ci serve come il pane. Suggerimento per un possibile vice-Pirlo (escludendo i grossi e costosissimi colpi a Gennaio) : Nainggolan del Cagliari?

    RispondiElimina
  4. Ciao, Alessandro. Non ho evidenza dello striscione che mi citi, né capisco quel 48. In ogni caso, sarebbe certamente una vergogna.

    RispondiElimina
  5. Sono contento del pareggio a Napoli, anche se sul 3 a 3 ho quasi creduto al colpaccio...
    Riguardo allo striscione (vergognoso), credo che il riferimento sia alla smorfia napoletana (il 48 è "'O muorto che pparla") e alle intercettazioni che riguardano Facchetti.

    RispondiElimina
  6. Buongiorno sig.Stenti, nella smorfia napoletana il 48 è "il morto che parla". Cartello non molto "elegante" bisogna ammetterlo. Non voglio giustificare nessuno, ma non fu il sig. Gianfelice Facchetti a portare in aula a Napoli il famoso dossier di suo papà?? Questo rispetto dei morti a momenti alterni è un po' ipocrita, che ne dice??

    RispondiElimina
  7. splendida juve ieri, tagliavento migliore tra i suoi.
    eccezionali, nell'ordine:
    - il rigore fatto ripetere per i giocatori presenti in area (come avviene per tutti i rigori dal 1974)
    - il rigore non fatto ripetere (malgrado la presenza di chiellini in area)
    - la non ammonizione per pirlo (diffidato) in occasione del rigore. fallo da dietro, punito con il giallo pure a centrocampo, e in area no
    - i mancanti secondi gialli nel secondo tempo a matri (tiro in porta dopo il fischio per fuorigioco), bonucci (fallo netto su inler al limite), estigacoso (trattenuta intenzionale su lavezzi in contropiede), lichnsteir (fallo su zuniga). casualmente tutti già ammoniti e di conseguenza da espellere.

    Si siete proprio tornati

    un tifoso della roma

    RispondiElimina
  8. Ti prude il culo, amico

    RispondiElimina
  9. L'elenco dell'amico romanista è incompleto. Manca il fallo su Maggio in occasione del secondo gol della Juve

    RispondiElimina
  10. esattamente, "48 morto che parla". Adesso se lei fosse coerente, ma dubito, un bel pezzo pubblicato anche su francorossi.com, in cui condanna fermamente, giudica, chiede punizioni, squalifiche e quant'altro, per coloro i quali si sono resi responsabili dello striscione. "Non ho evidenza dello striscione che mi citi", strano vero?

    RispondiElimina
  11. Pensare che ci sia gente che spende tempo e soldi per esporre certa roba è avvilente. Resta il fatto che siamo tutti lì a censurare il comportamento delle tifoserie altrui e mai quello della propria. Lo striscione su Facchetti è pessimo, ma non mai sentito i tifosi interisti o viola chiedere scusa per i cori sui morti dell'Heysel.

    RispondiElimina
  12. Il tifosi che si devono scusare, sono quelli che gli striscioni li espongono o che avallano quello che c'è scritto, non tutti gli altri: non vedo perchè io mi debba scusare, se un tifoso della mia stessa squadra è razzista o scrive cose indegne (tipo Heysel, per esempio), io lo CONDANNO, lo condanno fermamente in tutte le sedi, e mai verrà da me difeso o gisutificato. Il metro differente di giudizio del Sig. Stenti, invece, è abbastanza tipico, è il famoso vedere la pagliuzza nell'occhio altrui... La canzoncina su Superga, chi l'ha inventata? E comunque, per la precisione, non ho mai sentito nessun tifoso della Juventus scusarsi perchè il suo direttore generale ha alterato le partite del campionato italiano, non ce n'è uno che lo abbia fatto, anzi,lo ha difeso a spada tratta, negando l'evidenza. Ma anche qui, è ovvio che sbaglia la giustizia: sia sportiva che ordinaria.

    RispondiElimina
  13. Il culo prude a chi è preso con le mani nella marmellata e poi se lo gratta senza lavarsele... L'analisi del tifoso romanista, completata dall'inciso sul fallo a Maggio, rende l'idea della situazione.
    Non siete tornati, purtroppo non ve ne siete mai andati.

    A.T.

    RispondiElimina
  14. A.T., penso - correggimi se sbaglio - che tu sia interista, ed è buffo vedere un neroazzurro schierarsi dalla parte di un romanista, dato che negli ultimi 4 anni da Roma, tifosi, dirigenti e giocatori (vedi De Rossi) non hanno fatto altro che darvi dei ladri.

    RispondiElimina
  15. Anonimo delle 14.03, (A.T. sono le inziali di Aldo Triscardi, tengo a precisare, pseudonimo con il quale scrivo, o melgio scirvevo, su vari siti dedicati al calcio, anche giovanile)effettivamente, sono interista, certo, ma il fatto che io mi "schieri" dalla parte di un romanista, ti fa capire come intendo io il calcio: ovvero, nel modo più imparziale possibile (almeno ci provo: chi mi conosce, per esempio, sa quanto mi abbiano fatto imbestialire gli elogi fatti ad Alvarez, da giornalisti di testate nazionali che sappiamo tutti benissimo essere "orientati" ad arte...) quindi, se De Rossi, Rosella Sensi, Totti, ed altri hanno dato dei ladri agli interisti, non significa che se un tifoso della Roma esprime un concetto che condivido, gli devo dare comunque contro. Forse per te funziona che si è contro a prescindere, nei confronti di qualcuno che la pensa diversamente...

    RispondiElimina
  16. ad ulteriore suffragio di ciò che dico, leggo periodicamente Stenti, non ostante sappia benissimo come la pensa (in modo diametralmente opposto al mio), e che quando scrisse il post sullo strisicone vergognoso di San Siro "in favore" dell'Heysel, non mi sognai minimamente di sollevare una qualsiasi obiezione. Chiedevo solamente che venisse adottato lo stesso peso nei confronti di chi si comporta da imbecille, qualunche sia il colore della sciarpa che porta al collo, ma evidentemente sto chiedendo troppo.
    A.T. (Triscardi, inteso un po' più di Biscardi: visto che lui è Bis, io sono Tris...)

    RispondiElimina
  17. Caro Trscardi, io non chiedo scuse, solo condanne a chi infrange le norme. Anche allo stadio. Anche se è juventino. Dello striscione che mi avete segnalato non avevo notizia: è vergognoso e meschino e chi l'ha esposto punito. Fine.

    RispondiElimina
  18. non ho capito, in Napoli-Juve, quali siano gli episodi scandalosamente a favore della Juve...

    Pirlo è stato ammonito in occasione del rigore, infatti non gioca Juve-Cesena...

    Siamo qui per parlare di calcio, o per dare ragione a Stenti? Siccome ricomincia a far paura, sputiamo sulla Juve....

    19 falli contro 9 sono un'assurdità, soprattutto se si è vista la partita.

    Se è rigore il fallo di mano di Barzagli a Roma, è fallo di mano quello del giocatore del Napoli (Maggio?) che salta insieme a Bonucci.

    Se dovevano esser gialli tutti i falli che avete detto, ce n'erano almeno il doppio da parte dei giocatori del napoli, che hanno goduto, dal rigore fino alla fine del primo tempo, di una notevole clemenza da parte dell'arbitro...

    db

    RispondiElimina
  19. Grazie Stenti, era semplicemente questo che chiedevo, e mi piacerebbe lo scrivessi anche su francorossi.com.
    In quanto alle scuse, non eri tu ad averle chieste, ma l'anonimo nel post delle 11.19, il quale dice di non averle mai sentite da nessun tifoso viola o interista, relativamente ai cori sull'Heysel.

    A.T.

    RispondiElimina
  20. @A.T., hai perfettamente ragione quando dici che un tifoso, di qualsiasi squadra sia, non abbia alcuna responsabilità per i comportamenti di altri tifosi del suo stesso colore. L'unico responsabile degli striscioni su Facchetti o l'Heysel è chi li espone. Allora perché venire qui a chiedere di adottare lo stesso metro di giudizio nei confronti di quegli imbecilli che va allo stadio a scrivere o a urlare certe cose? Non mi pare che all'interno di questo blog, nessuno si sia mai sognato di insultare chicchesia nel modo in cui alcuni juventini hanno fatto a Napoli con Facchetti, o alcuni interisti a Milano con le vittime dell'Heysel. Questo vale almeno per quelli che, come te e me, si firmano. Gli altri che non lo fanno rispondono solo a sé stessi, ma già il fatto che non si firmino fa capire parecchio di loro...

    RispondiElimina
  21. @Yuri:
    Facevo riferimento ad un articolo di Stenti, (pubblicato anche su francorossi.com) in cui si chiedeva una punizione esemplare per la società Inter, visto lo striscione relativo all'Heysel: chiedevo medesimo trattamento della società Juventus, da parte di Stenti. Il mio intento era un po' provocatorio, poichè ritengo la responsabilità oggettiva, una regola profondamente sbagliata per quanto riguarda il tema degli striscioni, ed ho trovato sinceramente gratuito l'attacco all'Inter, in quanto tutte le società calcistiche annoverano tra i suoi tifosi una mandria di dementi, e di sicuro la Juve non è diversa.

    A.T.

    RispondiElimina