mercoledì 26 settembre 2012

Il caso Giovinco


In barriera vanno Giovinco e Giaccherini ed è come non averli. Ci si chiede se, nel XXI secolo, una squadra di alto livello può schierare contemporaneamente due giocatori di quella statura. Lo sport professionistico, al di là delle suggestioni e delle belle favole, è fatto di tecnica ma inevitabilmente anche di fisico. Questo accade in tutti gli sport professionistici, il calcio non può fare eccezione.

S'aggiunga che a Giovinco è stato ormai affidato un ruolo contronatura di prima punta, che non si concilia col fatto che basta toccarlo per stenderlo. Bisognerà riportarlo sull'esterno e vedere se saprà convincere più come vice Vucinic, anche se con in campo Quagliarella era proprio quello che doveva fare ma la sua presenza non è stata rilevata.

Tuttavia la maggior urgenza è ricostruirlo mentalmente. Seba sente l'insoddisfazione del pubblico, figlia probabilmente anche dell'incongrua valutazione (11 milioni per la metà) che ha accompagnato il suo rientro alla Juve. Non c'è dubbio che ora il compito di Conte e Carrera sia tutelarlo, se davvero si pensa di puntare su un giocatore che, sempre sul crinale dello sbocciare, è già arrivato a 25 anni. Questa è la stagione del dentro o fuori. Quanto meno per motivi di bilancio, sarebbe bene non svalutarlo.

Una delle regole principali è lasciargli il ruolo per cui è più vocato (partire largo per poi accentrarsi in velocità) e schierarlo, almeno inizialmente, nelle partite a lui più consone. Non cioé come quella del Franchi.

Poi, naturalmente, rimane aperta la questione: Giovinco dà il meglio contro le difese aperte, ma quando mai la Juventus ne incontrerà una? Ma almeno questa non è una domanda che dobbiamo rivolgere a lui.

21 commenti:

  1. Parlo da semplice tifoso: viste e considerate alcune situazioni/condizioni (alcune riportate nell'articolo), al posto di Giovinco avrei puntato su Destro.
    Spero di sbagliarmi.

    Saluti

    RispondiElimina
  2. Scusa per le ripetizioni, ho scritto il commento dal cellulare ;-)
    Buona giornata e buon lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati. Manco sapevo che si potesse commentare via cellulare. (Un anziano...)

      Elimina
  3. Scusa se intervengo fuori tema. Sono Leoncini 45, Se A-Team perde la freschezza della pubblicazione, la piazzetta perde! Ciao Leo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Leoncini. Mi hanno tagliato fuori dal nuovo sistema. Sto aspettando di sapere come rientrarci.

      Elimina
  4. Ok Simo. Sai quanto vale quella piazzetta che con l'inizio del campionato mi pare si sia risvegliata un po! Leo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sai la più bella? Ho postato un commento per avvertirvi e... sono sotto moderazione!

      Elimina
  5. magari sarà un momento di riorganizzazione. Aspettiamo ciao leo

    RispondiElimina
  6. Ma dov'e' finito A-Team? Non lo trovo piu'!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Neanch'io... Aspetto news da Torino... (C'è, in Qui Juve, nello Sport, ma non posso aggiornarlo. teniamo duro).

      Elimina
  7. 11 milioni x metà di Giovinco? Soldi buttati ... Continuiamo a comprare mezze calzette a prezzi allucinanti dopo aver parlato di top player per mesi
    Su Giovinco non c'è niente da dire: ha 25 anni ed ha fatto un buon campionato ad Empoli e 10 gol a Parma quando il campionato era bello e finito. Mi domando quali sono le valutazioni che ha fatto la juve per decidere di acquistare Giovinco... In compenso abbiamo fatto andare all'estero Veratti per molto meno
    Spero proprio di sbagliarmi, ma non capisco come si possa pensare di puntare su Giovinco ed il fatto che il buon Simone cominci a parlare di buco in bilancio mi fa sospettare che anche lui la pensi come me, ma che non voglia sbilanciarsi troppo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te, Arturo. 11 milioni per Giovinco mi sono sembrati soldi buttati, spesi, forse, più per il timore di prendere una cantonata liberandolo definitivamente (si è parlato anche di un interesse dell'Inter per lui) e per accontentare una parte della piazza. Poi, nel calcio di oggi i centimetri contano, ma, opinione personale, ho l'impressione che a Giovinco non manchi l'altezza, ma che più semplicemente non sia all'altezza di giocare titolare in una squadra come la Juve.

      Elimina
    2. Assolutamente una follia gli 11 milioni per ricomprare la metá di Giovinco: io infati ho sperato fino all'ultimo che fosse una mossa funzionale ad altri acquisti (per es. per girarlo al Napoli con un conguaglio per Cavani). Avremmo fatto 100 volte meglio a spendere quei soldi per Verratti o per acquistare un puntero vero (Falcao...). C'é poco da dire: a 25-26 anni non si puo' piu' pensare che uno debba ancora sbocciare, che senta la tensione eccetera. Cosa ci vuole, una balia? O si sveglia, o au-revoir. Che fosse leggerino e poco adatto a una grande squadra si intuiva giá prima. Questa purtroppo é solo una conferma. Purtroppo, temo che finirá con l'essere venduto, generando una minusvalenza sulla metá ricomprata. E Marotta sta ripetendo l'errore con Immobile, che invece avrei fatto tornare di corsa all'ovile...

      Elimina
  8. "Ci si chiede se, nel XXI secolo, una squadra di alto livello possa(ops!) schierare contemporaneamente due giocatori di quella statura"(?)Messi, Xavi, Iniesta mi senbra stiano giocando e vincendo nel XXI secolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti non é una questione di statura, o non solo... é che é scarsino. A Messi non togli la palla perché non te la fa vedere, a Giovinco basta sfiorarlo per farlo volare per terra...

      Elimina
  9. i miei presagi su Giovinco alla fine son diventati realta'....con quel fisico.....o ti chiami Messi....o devi scendere di livello....Parma...Atalanta....Genoa...queste son le squadre per lui....a sto' punto...e a sto' prezzo....Del Piero poteva giocare fino a 50 anni !!!!!!

    RispondiElimina
  10. scordavo....Giaccherini il suo lo fa' sempre....il punto invece e' questo nuovo modulo....il 3 - 5 - 2...a me' non piace nemmeno un po'....

    RispondiElimina
  11. Ma sulla Stampa non andra mai piu ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questioni tecniche, solo un po' di pazienza ancora.

      Elimina
  12. Zeman è un mago: viene a Torino con Lamela e torna a Roma con quattro pere

    RispondiElimina
  13. Stenti, quanto dovrà durare ancora la nostra pazienza? Ma ti sei fatto un'idea di quante potenzialità sono in questo momento alla deriva? Ci sentiamo come la famiglia "romolè": abbandonati!

    RispondiElimina