mercoledì 31 agosto 2011

Tanto io seguo un altro sport

S’è chiuso il mercato e tocca parlarne. Dura dopo un weekend dove il Manchester United ha rifilato 8 gol all’Arsenal che aveva liquidato l’Udinese nei preliminari di Champions; dove il Barcellona, squadra tra le più belle in assoluto che i miei occhi abbiano mai potuto osservare, ha regalato una “manita” anche al Villareal di Pepito Rossi, squadra che va tanto di moda nel giornalismo nostrano; dove il Real Madrid ne fa 6 al Saragozza e ha una fame tale che al sesto gol esulta come se fosse il primo.

Dura quando di colpo si dimezza il parco di campioni di livello mondiale del nostro intero campionato: è successo quando l’altro è scappato in Russia.

Dura quando pure gli allenatori perdenti e nonostante ciò riconfermati fuggono all'estero.

Dura quando partono un 23enne (Alexis Sanchez) e un 22enne (Javier Pastore), e si spaccia l’arrivo di un anziano bucaniere di 32 anni (Diego Forlan) come una giusta compensazione.

Durissima quando tocca leggere che il mercato finisce col botto perché qualcuno compra Zarate o Nocerino.

Quasi impossibile se tutta Italia sa da sei anni che alla Juve serve un centrale di difesa e quelli comprano dieci giocatori in ogni altro ruolo possibile.

Sarà che quest’estate, girando l’Europa e non potendo seguire da vicino le vicende nostrane, mi sono abituato a guardare un altro sport . Per tutto agosto, infatti, ho seguito il calcio e, pensate un po', ho scoperto che mi piace.

6 commenti:

  1. Lex Luthor per Stenti31 agosto 2011 20:22

    Grandissimo! Sei tornato. Voto al mercato di Marotta? Sai chi avrei comprato come centrale (in prospettiva)? : Ekstrand dell'Udinese. Mi ha impressionato tantissimo contro l'Arsenal.

    RispondiElimina
  2. Ciao, Lex! Mi hanno fatto promettere di essere ottimista e di concentrarmi sul bicchiere mezzo pieno. Per fortuna, altrimenti sarei costretto a constatare un mercato da dilettanti, vocato alla conferma del settimo posto. All'assenza di una strategia di marketing nell'anno dell'inaugurazione del nuovo stadio (vogliamo continuare a vendere le magliette di Del Piero?). Ai dissapori tra allenatore e direttore sportivo prona ancora di cominciare. Ma sono positivo, perciò dico: viva la Juve!

    RispondiElimina
  3. Ovviamente "prona ancora" sta per prima ancora. Ha deciso tutto l'ipad...

    RispondiElimina
  4. L'allenatore perdente suppongo sia Leonardo, che comunque una coppetta Italia l'ha vinta ed un secondo posto l'ha raggiunto, cose che alla Juventus di questi tempi si leccherebbero i baffi e non solo...

    RispondiElimina
  5. Tebo , con quella squadra ha fatto il minimo indispensabile Leonardo....ed è pure riuscito a prendere 5 pere dal glorioso Shalke 04!!!

    RispondiElimina
  6. Probabile, ma ricordati come erano messi quando Leonardo è arrivato.

    RispondiElimina