mercoledì 5 dicembre 2012

Grazie, ragazzi. Ora siete grandi davvero



Il Chelsea campione d'Europa, e potenziale prossimo campione del mondo, sta dietro e non per differenza reti, ma perché la Juve ha vinto con tutti e perso con nessuno, in uno dei gironi più difficili del torneo.

E Antonio Conte (quanto ci è mancato!) ritrova i suoi campioni in testa al campionato e agli ottavi di finale di Champions, qualificati da primi. La sua squalifica può già dimenticarla. Ma l'impresa di Donetsk manifesta comunque forte la sua impronta. Una squadra che ha come obiettivo di classifica il non prenderle e tuttavia fa la partita, senza sosta, è una grande squadra.

La dimensione mentale della Juve è alla pari delle grandi del continente. I dubbi di settembre in tre mesi sono stati fugati. Se da Copenaghen si era tornati con qualche tarlo, dall'Ucraina si torna con la consapevolezza che questa Juve, che ha ancora margini di crescita, può vincere contro chiunque. E spalanca un altro interrogativo: dove può arrivare?

Una vittoria che fa bene anche all'onore, troppo presto messo in dubbio da gufi e malpensanti. Che se il biscotto lo fanno gli scandinavi son pacche sulle spalle e risolini, se lo fanno i latini son farabutti. Se lo fa la Juventus si scatena l'inferno. Ma la Juventus non lo fa: gioca per vincere dal primo all'ultimo minuto contro uno Shakhtar che mai era sembrato così normale. (E invece è una grande squadra, lo sappiamo tutti, anche se a primavera si squaglierà al sole del mercato di gennaio e dopo una sosta oltremodo lunga: beato chi lo sorteggerà).

Non è serata da pagelle. Meritano tutti applausi per una vittoria molto corale. E qui dovrebbe tornare il nome di Conte. Che, finalmente, torna anche in panchina. Grazie, ragazzi, ma è l'ultima volta che vi chiamo così: ora siete diventati grandi. Uomini veri.

20 commenti:

  1. Facciamo 12 punti da qui alla Befana.
    E allora sì che potremo parlare di crescita definitiva e iniziar a pensare di poter riscrivere i confini...europei...

    IMPERA

    RispondiElimina
  2. solito gol in fuorigioco... Di Giraudo non dici nulla?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosicare con moderazione, prego....

      GRANDIIIIIIIII

      Ciao Simone!

      Karl

      Elimina
    2. Magari quando voi, dopo aver inforcato un bel paio di occhialoni dalle spesse lenti, direte qualcosa del rigore, peraltro bello grosso, non fischiato a favore della Juve. Ma quanto vi deve prudere!?!

      Elimina
  3. Prude il culo a chi non se lo lava, come voi che avete sempre le mani sporche di merda. Ladri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ancora tu...e io pensavo che insieme a tutti i gufi e uccellaci vari v'erate buttati dal balcone di casa mercoledi' sera (ma ce l'avete poi na' casa ???)
      cmq...tornando a noi, prude il culo ....a chi JE' RODE ER CULO....e a voi ve deve RODE TANTO...MA PROPRIO TANTO, percio' preparateve na' bella scorta de carta vetrata di ottimo spessore, inoltre...in campana che a fine anno a furia de gratta' ve servira' un CULO NUOVO !!!!!!!!!!!!!

      Elimina
  4. Considerando che non siamo su Yahoo Eurosport, dove starebbero bene verti commenti sopra, parlo di Donetsk, ma anche del derby e più in generale del girone di ritorno del girone di Champions. Guarda caso i primi tre pareggi europei hanno coinciso con quella fase in campionato in cui si vinceva sempre ma si faticava; L'imbattibilità, da onore, si stava trasformando in onere. Le sconfitte con le milanesi hanno evidentemente giovato all'ego della squadra, che infatti poi non ha sbagliato più un colpo: tripletta di vittorie in Europa e vittoria nel derby. Meglio di così... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'analisi è interessante. Il rischio di montarsi la testa c'era, ma ora sembra scongiurato. Contro Chelsea e Shakthar l'elemento più positivo è stato vedere come tutti hanno remato nella stessa direzione, aiutandosi a vicenda. Segnale di uno spogliatoio molto forte e in salute.

      Elimina
    2. Sembra sia stata una strategia consapevole. Nel momento in cui si rischiava l'eliminazione si è scelto di privilegiare la coppa e di conseguenza inevitabilmente penalizzare le prestazioni in campionato, per guadagnare il primo posto nel girone e comunque mantenere il primo posto anche in campionato nonostante le sconfitte. Anche questa una prova di forza.

      Elimina
  5. Da ANTIJUVENTINO vorrei sottolineare il fatto che è STATA PARTITA VERA....nessun biscotto e vittoria e primato meritati!!!

    Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Francesco. Non solo per la sottolineatura, ma soprattutto perché dimostri che, non importa la fede calcistica, ma tra persone intelligenti è facile confrontarsi. Ogni riferimento all'anonimo qui sotto è puramente voluto.

      Elimina
  6. La carta vetrata usala per pulirti il culo, maiale. Impossibile avere rodimento per uno schifo tale, sarebbe come avere invidia per il potere di Totò Riina. Associazione a delinquere, ennesima condanna. Siete solo spazzatura.

    RispondiElimina
  7. A proposito di casa, posso comprarmi la tua quando mi pare e buttare te e la tua famiglia in discarica, dove meritate di stare. Coglione, operaio lecca culo degli Agnelli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Simone, leggo volentieri gli interventi dei lettori e apprezzo quelli dei non juventini quando parlano di calcio e non usano questo forum per sparare insulti gratuiti a raffica senza alcun senso.

      La gente che insulta via internet oltretutto nascondendosi dietro l'anonimato, dimostra solo frustrazione ed una personalita'misera senza alcun spessore; fanno assolutamentee pena............ma incomiciare a crescere un po'?Non e'mai tardi........spero.........!!

      Grazie e saluti da Sihanoukville (Cambogia)

      Alex Colombis.

      Elimina
    2. Invidia in entrambi i casi direi :-)

      Elimina
    3. Ci vivo , sto facendo un periodo di volontariato come istruttore di cicina in una scuola alberghiera gestita da missionari salesiani.

      Alex

      Elimina
    4. Bello, Alex. Complimenti!

      Elimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina